Ubuntu: crash di upowerd quando si collega un iPhone via USB

Sul mio portatile, ho notato che con tutte le ultime release di Ubuntu, quando si collega via USB un iPhone, smettono di funzionare le funzionalità di risparmio energetico: la luminosità del display e della tastiera retroilluminata non diminuisce di intensità, non è più possibile consultare lo stato della batteria, e così via.
Questo è causato dal crash, con relativo core dump, del demone upowerd:

Dec 23 11:25:44 mizar systemd[1]: upower.service: Failed with result 'core-dump'.
Dec 23 11:25:46 mizar systemd[1]: upower.service: Failed with result 'core-dump'.
Dec 23 11:25:49 mizar systemd[1]: upower.service: Failed with result 'core-dump'.
Dec 23 11:25:51 mizar systemd[1]: upower.service: Failed with result 'core-dump'.
Dec 23 11:25:53 mizar systemd[1]: upower.service: Failed with result 'core-dump'.
Dec 23 11:25:56 mizar systemd[1]: upower.service: Failed with result 'core-dump'.
Dec 23 11:25:59 mizar systemd[1]: upower.service: Failed with result 'core-dump'.

Per risolvere il problema è sufficiente installare tramite apt-get una libreria parte del progetto libimobiledevice:

root@mizar:/home/utente# apt-get install libimobiledevice-utils

Che strano che nella distro sia presente di default libimobiledevice ma senza il pacchetto “utils”… Mah!

 

Ubuntu, CentOS e Intel: eliminare lo screen tearing nella riproduzione video

Uno dei difetti su Linux e schede video Intel che mi danno più fastidio è la mancanza di fluidità nella riproduzione video, causato dallo screen tearing.
Sebbene sia un problema molto diffuso, è anche relativamente facile risolverlo.

Per distribuzioni Red Hat, CentOS e derivate è sufficiente creare in /etc/X11/xorg.conf.d un file di configurazione “20-intel.conf“, o con il nome che più vi aggrada purché l’estensione sia .conf, con il seguente contenuto:

Section "Device"
   Identifier  "Intel Graphics"
   Driver      "intel"
   Option      "AccelMethod" "sna"
   Option      "TearFree" "true"
EndSection

e riavviare il server grafico.

Per Ubuntu e derivate il file, con il medesimo contenuto, va creato in /usr/share/X11/xorg.conf.d/

 

Ubuntu 15.10 e VMware Workstation 12: risolvere il problema del mancato avvio del programma

Su Ubuntu 15.10 ho riscontrato un curioso bug di VMware Workstation 12: nonostante l’installazione avvenga correttamente, semplicemente non si avvia 😀

Il problema è causato dal fatto che in Ubuntu 15.10 non sono referenziate in path alcune librerie necessarie a VMware.
Per risolvere il problema è sufficiente:

  1. editare il file /usr/bin/vmware (richiesto diritti di root)
  2. creare una nuova linea dopo la linea 17 (dopo export PRODUCT_NAME="VMware Workstation")
  3. aggiungere: export LD_LIBRARY_PATH=/usr/lib/vmware/lib/libglibmm-2.4.so.1/:$LD_LIBRARY_PATH
  4. salvare

VMware finalmente si avvierà correttamente.

 

Windows 7, 8, 8.1: come rimuovere gli aggiornamenti CEIP “Diagnostics and Telemetry”

Microsoft ha recentemente rilasciato alcuni aggiornamenti per Windows, di preciso KB3068708KB3022345KB3075249 e KB3080149 che introducono alcune funzionalità di telemetria, diagnostica e tracciamento dell’utilizzo del computer le quali, a detta di molti esperti, pare violino la privacy degli utenti.

Per rimuovere questi aggiornamenti è sufficiente, da riga di comando e con diritti amministrativi, lanciare i seguenti comandi:

wusa /uninstall /kb:3068708 /quiet /norestart
wusa /uninstall /kb:3022345 /quiet /norestart
wusa /uninstall /kb:3075249 /quiet /norestart
wusa /uninstall /kb:3080149 /quiet /norestart
wusa /uninstall /kb:2952664 /quiet /norestart
wusa /uninstall /kb:3035583 /quiet /norestart
wusa /uninstall /kb:971033 /quiet /norestart
wusa /uninstall /kb:3112343 /quiet /norestart

e riavviare il computer al termine della disinstallazione.

Per maggiori informazioni:

 

Windows10: come attivare l’account utente “Administrator” da riga di comando

In Windows10, così come nei precedenti Windows7, 8 e 8.1, l’account utente “Administrator” di default è disabilitato e nascosto, per cui non è possibile utilizzarlo per eseguire login (interattivo o meno).

Per attivare l’account è sufficiente aprire una console a riga di comando con diritti amministrativi e digitare:

net user administrator /active:yes

Per disattivare l’account “Administrator”, qualora non doveste più averne bisogno, dovrete digitare:

net user administrator /active:no

Attenzione! L’utente “Administrator” attivato in questa modalità non ha nessuna password, e qualche malintenzionato potrebbe accedere in maniera non autorizzata al vostro computer!
Per assegnare una password all’utente “Administrator”, nella solita console a riga di comando con diritti amministrativi dovrete digitare:

net user administrator nuova_password

Windows: come usare Windows Installer (MSI) in modalità provvisoria

Una delle (tante) cose che non ho mai capito di Windows è per quale motivo non sia possibile far funzionare Windows Installer in modalità provvisoria.
Infatti, se proviamo ad installare, o disinstallare, un programma MSI in SafeMode riceveremo l’errore 1084 “Impossibile avviare Windows installer su computer locale: questo servizio non pu essere avviato in modalità provvisoria”.
Ma perché?! Boh!

Per essere in grado di usare Windows Installer anche in modalità provvisoria, dobbiamo intervenire sul registro di Windows:

  1. aprire Regedit
  2. andare in HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\SafeBoot\Minimal\
  3. creare la chiave MSIServer tipo REG_SZ
  4. inserire Server come valore della chiave di registry

A questo punto, riavviando in modalità provvisoria, sarete in grado di usare Windows Installer senza problemi.

Oppure, se siete già in modalità provvisoria, potete eseguire direttamente da riga di comando:

  1. REG ADD "HKLM\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\SafeBoot\Minimal\MSIServer" /VE /T REG_SZ /F /D "Service"
  2. net start msiserver

per aggiungere la chiave di registry ed avviare il servizio Windows Installer senza dover riavviare.

 

Android: come formattare la partizione /cache

Formattare la partizione /cache di Android, partizione nascosta dove vengono memorizzati dati temporanei del sistema operativo e di alcune app di sistema, non è una pratica consueta da eseguire che ho deciso di adoperare per cercare di risolvere alcuni problemi che affliggono il mio Nexus 5 da quando sono passato a Lollipop.
La partizione /cache è simile nelle funzionalità, ma non a nulla a che vedere, con la “cache” delle app Android.

Per formattare /cache bisogna accedere al “Recovery mode” del telefono:

  1. spegnere il telefono;
  2. avviare il telefono tenedo premuti il “Tasto Accensione” ed il tasto “Volume -“;
  3. selezionare il menu “Recovery mode” usando i tasti volume;
  4. dopo poco apparirà il robottino Android sdraiato ed il messaggio “No command”;
  5. tenedo premuto il “Tasto Accensione” schiacciare una volta “Volume +”;
  6. usando i tasti volume selezionare “Wipe cache partition” e confermare premendo il “Tasto Accensione”;

A questo punto inizierà la formattazione della partizione e ci potrebbero volere diversi minuti: vi suggerisco di iniziare il processo con il telefono collegato all’alimentazione e di NON INTERROMPERE IL PROCESSO DI FORMATTAZIONE PER NESSUN MOTIVO.

Mac OS X 10.10: come disattivare l’indicizzatore di Spotlight

Non utilizzo molto Spotlight e recentemente, sul mio MacBook Pro End 2009, mi sta creando non pochi problemi di lentezza, indicizzando sempre sull’SSD dati che non dovrebbe indicizzare (i file di build di Macports).

Mi sono accorto della attività anomala dell’indicizzatore mdworker con un semplice comando da riga di comando:

fs_usage -w -f filesys mdworker

Ho quindi deciso di disattivare Spotlight: per farlo è sufficiente lanciare (come root)

launchctl unload -w /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.metadata.mds.plist

In caso vi servisse riattivare Spotlight, dovrete lanciare invece (come root)

launchctl load -w /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.metadata.mds.plist

Windows 8.1: come risolvere l’errore 0x80070002 durante l’installazione del November 2014 Update Rollup Package (KB3000850)

Mi è capitato di vedere alcuni Windows 8.1 sui quali fallisce l’installazione del November 2014 Update Rollup Package (KB3000850), anche tramite Windows Update, riportando il codice di errore 0x80070002 ahimè non troppo esplicativo.

Solo una attenta analisi del file di log di installazione della patch,  C:\Windows\Logs\CBS\CBS.log che nel mio caso era circa 80 MB, svela l’origine del problema: manca la directory “Accessibility” nell menu-schermata Start.
Lo stesso problema si presenta anche se manca la directory “Tablet PC” oppure “System Tools“.

Per evitare il problema, dunque, verificate che esistano le seguenti directory:

C:\ProgramData\Microsoft\Windows\Start Menu\Programs\Accessibility
C:\ProgramData\Microsoft\Windows\Start Menu\Programs\Accessories\Tablet PC
C:\ProgramData\Microsoft\Windows\Start Menu\Programs\Accessories\System Tools

Se non esistono, ricreatele, riavviate il computer e lanciate nuovamente l’installazione di KB3000850.